Gamma dinamica
 
 
in Fotografia Digitale | Angolo dell'esperto
14/02/2013 13:13 - Di: Daniele Olgiati

  Daniele Olgiati
Tutor di Fotografia
    _
Vai al profilo >>
 

Gamma dinamica

Limite nell’esposizione di una scena
Quante volte vi è capitato di scattare con dei soggetti in controluce e accorgervi di aver fatto una foto a delle sagome nere? Eppure guardando ad occhio nudo la scena i soggetti non apparivano così in ombra come nella foto! Succede spesso soprattutto ai fotoamatori alle prime armi magari armati di una fotocamera compatta; ma perché?

Tutto ruota intorno al concetto di gamma dinamica. La gamma dinamica è il rapporto espresso in f-Stop o EV tra il livello di luce più alto e quello più basso percepibile dal sensore della nostra fotocamera. Le ultime reflex montano sensori capaci di superare i 14 EV mentre le fotocamere compatte rimangono a 9-10 EV. 

Dobbiamo pensare che ogni scena che andiamo a fotografare ha una situazione di luce diversa e un contrasto tra le alte luci e le zone in ombra che potrebbe superare la gamma dinamica del nostro sensore;  in questo caso le alte luci saranno bruciate mentre le zone in ombra risulteranno completamente nere. 

Prendiamo in esame la seguente foto di Silverlion77:

Immagine 1

In una giornata di sole con un cielo molto luminoso, la fotocamera è riuscita ad acquisire informazioni nelle nuvole che si trovano nella zona delle alte luci ed anche i dettagli nelle borse agganciate alla sella del cavallo che sono in controluce.  Questo vuol dire che il sensore ha coperto l’intera gamma di livelli di luminostà presenti nella scena. Cosa sarebbe successo con un sensore meno performante? Con una gamma dinamica minore il fotografo avrebbe avuto un problema e si sarebbe trovato di fronte ad un bivio; esporre correttamente il cavallo con la sella e le borse o spostare l’esposizione sul cielo. Nel primo caso probabilmente il cielo sarebbe risultato completamente bianco mentre nell’altro caso avrebbe perso i dettagli delle borse.

Immagine 2

In questi casi è possibile agire in postproduzione ad esempio effettuando un’esposizione a destra (ne abbiamo già parlato in un nostro articolo precedente: “Esposizione a destra”) oppure eseguire scatti con esposizioni differenti e poi fonderli in un’unica immagine con una tecnica chiamata proprio HDR (High Dynamic Range):

Immagine 3

Potete vedere come effettuare la fusione degli scatti in HDR seguendo questo ottimo tutorial

Attenzione!
La gamma dinamica di un sensore, generalmente, diminuisce all’aumentare della sensibilità ISO. Questa diminuzione non è però sempre lineare e ogni sensore risponde in maniera differente. 

Con il passare del tempo i sensori delle fotocamere digitali si stanno evolvendo offrendoci sempre migliori prestazioni ma sono ancora ben lontani dalla risposta dell’occhio umano calcolata in una gamma dinamica di circa 24 EV.

Votalo:
Tag: hdr, gamma dinamica
Condividi: